NON TI ARRABBIARE

Il tema del mese di Ispirazioni & Co. di questo mese è il gioco.
Vi ricordate di “non t’arrabbiare”?

Quello che sto per mostrarvi avrà almeno 35 anni e forse qualcosa di più, un cimelio che si può trovare solo nella soffitta di casa.

Copyright Marina Zanotta

Come vedete c’è scotch da tutte le parti  :D
Pretendere che sia intonso con tanti anni alle spalle è un’assurdità no?

copyright Marina Zanotta

Avete mai giocato a questo gioco?
Vi spiego le regole:
Ogni giocatore prende quattro pedine del medesimo colore e ne colloca tre nelle caselle d’angolo e la quarta sulla casella di partenza sempre del proprio colore. Se si gioca solo in due, si prendono due colori a testa.
L’obiettivo del giocatore consiste nel portare tutte e quattro le sue pedine nelle caselle del proprio colore, in centro, contraddistinte con a, b, c, et d cominciando a mettere le pedine sulla prima casella piccola a)
Chi ci riesce per primo vince la partita.
L’astuzia consiste nel mettere fuori gioco le pedine avversarie prima che vadano a meta, occupando le medesime caselle, in questo modo la pedina “bruciata” tornerà nel suo angolo. Le pedine nelle caselle a,b,c,d sono salve e intoccabili, e le pedine possono entrare solo se esce il numero esatto.
Per liberare le pedine all’angolo occorre fare 6 con il dado (ce ne vuole solo uno non due come nella foto), l’unico numero in grado di liberarle.
Le pedine superate non subiscono alcuna sorte o conseguenza.
Difficilmente troverete questo gioco ancora in commercio, ma nulla impedisce di crearlo da sole, bastano pochi materiali.

Copyright Marina Zanotta

Basta un foglio o cartoncino, una moneta da due centesimi, un timbrino diy che io ho fatto con della gomma crepla e un tappo della bottiglia di acqua, ma potete disegnare tutto se avete voglia e pazienza.
Per i birilli ho disegnato la sagoma e l’ho colorata.

Copyright Marina Zanotta

Mi manca da colorare ancora la partenza e rifinire i dettagli (scusate), ma una volta terminato credo che lo metterò in una piccola scatolina per averne una versione da viaggio :)

Questo post partecipa alla raccolta di Ispirazioni & Co. n. 16 (tema "giochi")




Alla prossima

Commenti

  1. Gioco intramontabile e bellissimi.
    Per fortuna in commercio c'è ancora, identico.
    Comunque, sì, la versione fai da te ci sta sempre, anche da improvvisare all'ultimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È l'unico della vecchia guardia che non ho regalato ... sarà forse per lo scotch!
      Ciao cara.
      Marina

      Elimina
  2. Mamma mia se me lo ricordo!! Ci ho giocato un sacchissimo!! E se guardo nella mia soffitta mi sa che è ancora lì che mi aspetta!! E..mi vien da ridere..perchè anche il mio tabellone aveva lo scotch nel mezzo per legare le due parti che si erano strappate :))!!
    Milly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah sono pezzi di storia che ci portiamo dietro Milly, e lo scotch è il nostro vissuto ;)
      Simpatica coincidenza.
      Un bacione
      Marina

      Elimina
  3. Divertente il gioco, non lo conoscevo, ottimo suggerimento la tua versione handmade, semplice da realizzare... brava come sempre Marina!
    Un bacio grande.
    Annarita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È più divertente se si è in tanti, ma anche nella versione a due con doppie pedine da gestire ha il suo perché ;)
      Un abbraccio
      Marina

      Elimina
  4. Conosco questo gioco, e l'ho acquistato per le mie figlie qualche anno fa, compreso in una scatola multi-gioco.
    Ma farlo da sé è ancora meglio, ci avevo pensato anch'io ma non ho ancora mai messo in pratica l'idea. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro è semplice da riprodurre nella versione fai da te :D
      Un bacio
      Marina

      Elimina
  5. Ma lo sai che a casa mia è uno dei giochi preferiti babbo-figlia?
    Noi abbiamo la versione in legno, acquistata oltre 30 anni fa dai miei suoceri in Trentino. E' bellissima anche da esporre.
    Grazie per avermi rinfrescato la memoria con le regole.
    Alla prossima.
    Ketty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà che spettacolo tutto in legno! Nel mio solo le pedine lo sono.
      Grazie della visita Ketty e benvenuta :)
      Marina

      Elimina
  6. Wow ma qui ci sono un pò di novità, complimenti :)
    Me lo ricordo molto bene questo gioco...inutile dire che noi ci arrabbiavamo eccome, nascevano delle vere e proprie faide nella contrada in montagna durante l'estate :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non ho più molto tempo da dedicare al blog, ma tu è parecchio che non passi di qui, eh? :D
      La prima volta che ho visto la scatola di questo gioco, ho pensato "e perché dovrei arrabbiarmi?" ... Poi ho capito! :D
      Finivamo tutti per arrabbiarci.
      Un bacione
      Marina

      Elimina
  7. Ho giocato anch'io a questo gioco, lo ricordo!! Buona idea quella di realizzarlo "fai da te", anche per fare un regalo affettuoso, oltre che giocoso ^_^
    Ciao
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maris grazie di essere passata a trovarmi :)
      E' stato un modo per ricordare i vecchi tempi infatti ^_^
      Alla prossima.
      Marina

      Elimina
  8. O tu guarda! Ecco cosa potrei cercare come gioco di società per mio nipote *__*
    Passa da me che c'è un regalo per te, non mi ero accorta che eri già stata scelta se hai tempo aggiungilo nel post precedente, ma sono una nonna e capisco benissimo i vostri impegni di mamme giovani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna Maria, passo subito :D
      Viva le nonne!
      Un abbraccio
      Marina

      Elimina

Posta un commento

I commenti saranno pubblicati in differita per la presenza di un moderatore.