Insieme raccontiamo n. 11

Seppur scaduto da un giorno, con questo post partecipo all'iniziativa di 
"Insieme Raccontiamo".
Spero che la padrona di casa accetti lo stesso il mio piccolo racconto.



Brevemente ricordo le regole:
-        Dall’incipit di Patricia Moll si possono scrivere finali da 200/300 battute oppure 200/300 parole
-        Il finale può essere arricchito da un video musicale, un disegno oppure un’immagine
Maggiori info qui

L’Incipit di luglio è il seguente:
“Odore di muschio. Di foglie in decomposizione. Nel bosco, sotto a quel guazzabuglio di querce e olmi e acacie, alte da sembrare volerlo solleticare e spesso da oscurarlo, il cielo era sparito. Si chinò ad annusare lo stesso odore di allora quando …”

Ed ecco il mio finale
Udì un rumore in lontananza. Poteva essere un animale selvatico per i meno esperti, ma lui che quel bosco lo conosceva come le sue tasche, non aveva quel tipo di incertezze. Era un intruso. Qualcuno che probabilmente lo attraversava per la prima volta. Il rumore aumentava e ad esso si aggiungeva un respiro affannoso. D’improvviso un’ombra tra gli alberi. I suoi occhi avevano catturato un profilo di donna in fuga. Chiuse gli occhi per un attimo e annusò l’aria, e si mise a correre, così d’istinto, quasi spinto dalla necessità. Si avvicinava sempre di più a lei, e ne poteva sentire quasi l’odore: paura era quello che trasudava dal suo corpo. Sembrava una lepre inseguita dai cacciatori, più che un essere umano. Voleva essere lui a braccarla, anche se non era la sua preda. L’aria era particolarmente carica di acqua e i suoi polmoni asmatici faticavano a smaltire quell’umidità, ma non aveva intenzione di arrendersi. All’incrocio con la roccia piatta in prossimità del fiume, riuscì ad afferrare il suo corpo, immobilizzandola a terra. Con il cuore carico di sangue, più del dovuto, le mise una mano sulla bocca per impedirle di urlare. I suoi occhi notarono subito il cervo tatuato sulla clavicola sinistra della donna. Lui ne aveva uno uguale sul polso interno sinistro. Capì immediatamente di aver ritrovato la sorella gemella perduta tanti anni prima, e il senso di quel bizzarro inseguimento.

Qui sotto i link degli altri miei racconti legati a questa iniziativa:

4. http://marinathinkcreative.blogspot.com/2016/01/insieme-raccontiamo-n-4-liberta.html

5. http://marinathinkcreative.blogspot.com/2016/01/insieme-raccontiamo-n-5-il-potere-dei.html


7. http://marinathinkcreative.blogspot.com/2016/03/insieme-raccontiamo-n-7.html 

Alla prossima





Commenti

  1. Ci sei!!!!!! Non ho fatto in tempo a leggerlo perchè a quest'ora sono già di corsa leggo oggi però ti ho aggiunta.
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patricia :)
      Torna quando vuoi, sei sempre la benvenuta qui.
      Bacio!
      Marina

      Elimina
  2. Marina molto bello anche il tuo ....sono contenta di averti riletta ... prepariamo la sdraio allora per stenderci al sole ....a dirla tutta mi sento sfinita ma andiamo avanti a denti stretti ... un abbraccio anche a te ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi basta anche una stuoia Giusi :D ^-^
      Buon riposo!
      Un bacione.
      Marina

      Elimina
  3. p.s. ma chi ci va in vacanza !!!!!!buona estate anche a te
    bacioni

    RispondiElimina
  4. Bel finale! Da incipit di romanzo fantasy!...
    Lode alla fantasia, da tutto quello che ho letto, è straripante in tutti i partecipanti...

    Brava Marina :)) Un abbraccio e buone vacanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te, gongolo :D
      Passo presto a leggere tutti i post che mi sono persa ;)
      È sempre un piacere leggerti.
      Buone vacanze Regina :)
      Besos!
      Marina

      Elimina
  5. Finale a sorpresa, direi. Non me l'aspettavo.
    Ottimo lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono riuscita a lasciarti col fiato sospeso, anche se per poco? Yeeaaah ... :D
      Alla prossima.
      Marina

      Elimina

Posta un commento

I commenti saranno pubblicati in differita per la presenza di un moderatore.