Insieme raccontiamo n. 17

Spendo poche parole per l'iniziativa di Patricia perché ormai la conoscono anche i sassi.
Vi rinvio semplicemente al suo post per ripassare le regole



Il suo incipit:
Era l’alba. Gli piaceva scendere in spiaggia a quell’ora. In giro non c’era ancora nessuno perché i vacanzieri erano andati a dormire da poco.

Il silenzio interrotto solo dalla voce del mare lo rasserenava.

Girovagando, aveva oltrepassato il promontorio. In una piccola baia seminascosta l’aveva trovata....

 Il mio finale in 300 parole
… la nave relitta, come il suo cuore. Si ergeva sopra la sua testa imponente, arrugginita dall’incessante esposizione al sole, all’acqua e al sale che l’aveva corrosa in più punti.



Un granchio uscì dal relitto e si diresse in direzione del mare. Un richiamo irresistibile anche per lui.
Sorrise tra sé al pensiero dell’ultima regata con Alex. L’emozione di quella vittoria la sentiva ancora in gola, insieme ai muscoli doloranti per la fatica. Si erano allenati duramente per raggiungere quel traguardo. Non era stata una passeggiata; avevano rischiato di ribaltarsi per ben due volte, ma la determinazione di Alex aveva avuto la meglio. 


Dal web: regata velica in memoria di Giorgio Cassarino
Urlava a squarcia gola, per sovrastare il sibilo del vento. Non aveva parlato per giorni dopo la gara, ma la felicità nei suoi occhi valeva più di mille parole. Aveva vinto lui, contro ogni previsione. Lui e la sua “Madeleine”, così battezzata in onore della scomparsa sorella, sbranata da uno squalo durante un’immersione mentre girava un documentario. Una cosa sola erano lui e Madeleine. Avrebbe dovuto odiarlo il mare, eppure non riusciva a stargli lontano.
Sentì in lontananza la voce di Maria che lo chiamava e lo raggiunse in pochi minuti.
“Cosa hai trovato Rob?”
“La voce dei ricordi Mari”
“In questo relitto? Mi pare più un titanic miracolosamente non affondato, ma forse era meglio se affondava!” Rise da sola della sua battuta.
“Tutto bene Rob?”
“Si tesoro, stavo solo pensando  … ”
“Ti manca Alex!”
“Mi manca tutto della mia vecchia vita Mari. Ora mi devo accontentare di andare in pedalò” disse sospirando. “Guarda come mi sono ridotto”
“Sei messo bene tesoro. Hai solo una gamba e un ginocchio non più allineati con il resto del corpo ….”
“ … Per quel maledetto incidente in macchina!” concluse seccamente Rob.
“Già, ma sarebbe potuto capitare anche in mare”
“Si, ma lui lo avrei perdonato!”

Commenti

  1. che bello! La frase finale, racchiude tutto un mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie azzurrocielo.
      Quando si trovano le parole giuste, si riesce con poco a dire molto ;)
      Marina

      Elimina
  2. Bellissimo! Concordo con azzurrocielo. La frase conclusiva racchiude tutto un mondo! Quello del protagonista.
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo fare qualcosa di breve, poi ho esteso il racconto per esercitarmi :D ;)
      Baci Pat
      Marina

      Elimina
  3. Bellissimo, diretto, incisivo. Grazie per essere passata da me, così ho conosciuto il tuo bel blog e ora continuerò a seguirlo.
    Baci, Francesca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di tutto Francesca!
      Ti seguo con piacere anch'io 😊
      Baci
      Marina

      Elimina
  4. Un finale delicato e toccante..., si riesce a perdonare solo ciò che si ama..., un caro saluto!!
    Davide e Carmela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero si perdona solo ciò che si ama, ci coinvolge e scuote nel profondo, proprio come sa fare il mare ;)
      Baci e abbracci!
      Marina

      Elimina
  5. Ciao Marina, felice di averti letto.
    Straordinario anche il tuo racconto, il mare sa essere spietato ma è difficile non restare affascinati e amarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, sarà il colore, le sue meraviglie sottomarine ed i suoi orrori a incantare, non so, certo che il mare non rimane indifferente ;)
      Passerò a leggerti al più presto!
      Un abbraccio
      Marina

      Elimina
  6. Il mare cattura...per questo lo si ama. Grazie x il tuo racconto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il profondo blu. Com'è? Profondo e blu. Lo immaginavo! ah ah ah
      Ti ricorda qualcosa?
      Prima o poi passerò a leggervi tutte ;)
      Ciao
      Marina

      Elimina

Posta un commento

I commenti saranno pubblicati in differita per la presenza di un moderatore.