Una alternativa alla ceralacca

L’ultima volta vi ho lasciato alle mie parole guida. Cosa ho raccolto questo mese? Non belle cose, forse sono ancora sotto l’influenza dell’anno 2016, quindi la potatura dei rami secchi non è ancora terminata!
È curioso vedere come si susseguono gli eventi, e quanto della mia vita sia collegata con questo blog. Ogni volta che pubblico qualcosa che assomigli ad una svolta positiva, finisce per non accadere. È come se scrivere sblocchi canali invisibili che rimettono tutto in gioco. C’è per caso una maledizione sui blogger di cui non sono a conoscenza?

A questo punto acqua in bocca! E Torniamo a parlare solo di creatività.

Copyright © 2017 Marina Zanotta
Vi avevo promesso un post a tema ceralacca, non me ne sono dimenticata, ma per come è nato nella mia testa, ci vorrà ancora parecchio tempo, soprattutto perché richiede foto a regola d’arte e perfezione.
Vi propongo allora un’alternativa, valida anche per principianti. 
Devo ammettere che ho perso un po’ la mano, e la pazienza è andata a farsi un giro, per cui il risultato non è dei migliori.
Qual è allora la mia alternativa alla ceralacca
Un timbro con le iniziali realizzato con della semplice gomma, e le sgorbie naturalmente.
Sveliamo subito il trucco per fare risultare dritte le iniziali sul sulla carta: il trucco sta nell'incidere le iniziali come se aveste davanti uno specchio.

Copyright © 2017 Marina Zanotta

Ci sono ovviamente lettere come la “A" e la "I” che non serve riflettere o come la “M” del mio nome, per non parlare della "O" e della "T", ma per tutte le altre occorre stare attenti. Così per le “B – C - D – E – F – G – L - N – P – Q – R - S - Z” è bene utilizzare della carta lucida.
Disegnate le iniziali come volete, e poi girate il foglietto sulla gomma. 
Ricalcate con una matita.
È un metodo semplice e veloce, e soprattutto consente di non sbagliare.
Le mie iniziali le ho disegnate in modo elementare e lineare per rendere bene l’idea del lavoro che vi aspetta.
Più il disegno è elaborato e più l'incisione richiede abilità.

Copyright © 2017 Marina Zanotta

Come vedete, la mano mi è scivolata e si è inerpicata proprio sulla “M”. Ho cercato di recuperare il lavoro e ci sono riuscita, purché si chiuda un occhio sul concetto di perfezione 
:D
In pratica il risultato su carta è quello che vedete sotto.

Copyright © 2017 Marina Zanotta

Il colore un po’ esaurito, rende il tutto scialbo, ma vi assicuro che con un inchiostro steso in modo uniforme e di colore intenso, è carino e strappa un sorriso.

Copyright © 2017 Marina Zanotta
Timbro chiudi lettera
Così sigillerete le vostre buste in modo originale e decisamente non anonimo.
Vi consiglio di fare il timbro a busta già chiusa, per avere meno dislivelli possibili al momento della timbratura.

Copyright © 2017 Marina Zanotta

Altro modo per personalizzare le buste da lettere è la “mail art” (un piccolo assaggio 1, 2, et 3 vi è stato già dato), che rimane la mia preferita per la possibilità di creare delle vere e proprie opere d’arte, per non parlare della possibilità di esprimere un po’ più di humor  ;)
Avete mai provato a realizzare dei timbri in questo modo?
Alla prossima.

Commenti

  1. Risposte
    1. Grazie Pat :)
      Hai mai provato?
      baci
      Marina

      Elimina
  2. Ma è carinissima questa idea! :O

    RispondiElimina
  3. La realizzazione dei timbri in gomma è uno dei progetti che prima o poi ci piacerebbe realizzare ed il tuo tutorial ci farà sicuramente da guida!
    La parola cardine di quest'anno dovrebbe essere "prima", compatibilmente con tutti gli altri impegni!!!!!
    L'effetto che dà l'inchiostro un po' esausto per noi è assolutamente originale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di sapere cosa è quel "prima" e mi pare giusto.
      Aspetto di vedere il vostro primo timbro allora :)
      Quando si prende la mano con i timbri fai da te, non si riesce più a smettere e si cerca di riprodurre di tutto. Avvisate! ah ah ah ah
      Marina

      Elimina
  4. Bellissima idea.
    Io ne ho fatto uno con un tondino di legno inciso con il pirografo, che va bene sia per la ceralacca che per la colla a caldo.
    Pinnato. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli in legno sono splendidi, e sono di tutt'altra classe :D
      Dici che posso utilizzare quelli in metallo, che solitamente uso per la ceralacca, anche sulla colla a caldo? Non si rovinano?
      Grazie per il pin!
      Marina

      Elimina
  5. Ma se io te ne commissiono uno per Natale? :)... La mia manualità pessima mi permetterà mai di realizzare un simile gioiello? 0-0
    Per farti intendere a che livello sia la mia manualità: l'altro giorno vado per fare un polpettone arrotolato nella pancetta. Guardo il video della ricetta centoquattordici volte almeno. Ce l'ho! Ho tutto sotto controllo. Impasto carne e vado con le fette di pancetta in fila per poggiarci sopra la carne e proseguire con la farcitura e dopo con l'arrotolamento... E invece di metterle in verticale, le tiro giù in orizzontale! Risultato: polpettone tenuto da colonne di fette di pancetta. Mio marito: solo tu potevi riuscirci, ma la parola arrotolato non ti dice niente? :/

    Buuuuuuuuuuuuuuuuu....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uahhhhhh Regina, mi fai proprio morire dal ridere! Sei uno spasso.
      Da qui a Natale ho tempo a sufficienza per realizzarne uno ^_^
      Dovrei riuscirci :D
      Iniziali o altro soggetto? Fammi sapere se sei seriamente interessata, che ci sentiamo per e-mail ;)
      Un abbraccio
      Marina

      Elimina

Posta un commento

I commenti saranno pubblicati in differita per la presenza di un moderatore.