Come invecchiare la carta (effetto vintage)

È da un po’ che manco dal web, e non perché sono rimasta a corto di idee, ma per i troppi impegni.
Il nuovo anno porta nuovi interessanti cambiamenti. Ho nuovi inizi, tante idee e tante difficoltà a realizzare tutto. Un passo alla volta, di più non posso fare, e non è tempo di correre per me, anche perché voglio respirare.
Insomma, è un gennaio impegnativo, in tutti i sensi, tra cose belle (nuovi progetti lavorativi) e qualche fastidio: un sospeso del 2014 che mi ha seguito nel nuovo anno.
Ho aperto perfino un nuovo blog che attende di partire, ma ve ne parlerò in un altro momento.
Oggi vediamo, invece, come invecchiare la carta e darle un tipico effetto vintage.

Tecnica che ho usato per fare la mappa creativa che vi ho mostrato a dicembre (per chi se la fosse persa qui trovate le puntate uno, due, e tre).

copyright Marina Zanotta
Materiali tutorial carta vintage

Per ottenere questo effetto occorrono pochi materiali:
1)     Carta (più è porosa e meglio è)
2)     Inchiostro comune o Distress Ink (io ho usato quest’ultimo)
3)     Spruzzino dell’acqua e, ovviamente, acqua
4)     Foglio di acetato o buste trasparenti per documenti o qualsiasi altro materiale plastico
Vediamo come procedere.
Step 1: Tamponare il Distress Ink sul foglio acetato. Se usate del comune inchiostro mettete qualche goccia con una pipetta.

copyright Marina Zanotta
Inchiostro su acetato

Step 2: Spruzzare un po’ d’acqua sul foglio acetato e l’inchiostro. Si formeranno tante piccole goccioline.

copyright Marina Zanotta
Acqua e inchiostro

Step 3: Con il dito mischiate acqua e inchiostro fino ad ottenere la consistenza che desiderate, con più o meno goccioline a seconda del grado di invecchiamento della carta che volete ottenere (trama fitta o leggera)

copyright Marina Zanotta
Miscela di inchiostro e acqua

Step 4: Tamponate il foglio sul materiale plastico (o viceversa) tenendo presente che più pigiate e più si formeranno macchie grosse. Se volete una trama sottile e discreta dovete solo sfiorare leggermente il foglio di acetato, in modo che l’effetto statico attiri a sé solo piccole goccioline. Nel fare questa operazione sentirete una certa resistenza tra il foglio di carta e quello acetato, e tenderanno ad appiccicarsi l’uno con l’altro. Se succede nulla di grave, avrete solo macchie più grosse. L’acqua, infatti, tende ad espandersi ed infiltrarsi in caso di pressioni. 

copyright Marina Zanotta
Carta vintage in progress
Ricapitolando: se volete macchie piccole, come puntini, dovete fare questo passaggio velocemente, o picchiettare il foglio d’acetato affinché le gocce cadano da sole; se volete macchie grandi basta premere, ma non troppo, il foglio di acetato su quello di carta. Per fare più veloce, fissate il foglio di acetato con dello scotch alla base di lavoro, in modo da evitare che possano inavvertitamente appiccicarsi, e poi sfiorate leggermente il foglio di carta, più facile da manipolare, contro il foglio acetato.

Step 5: Fate asciugare sul calorifero (visto che sono accesi per la stagione, così risparmiate energia) oppure con un phon. Ripetere più volte il tutto fino a quando la carta avrà assunto un aspetto d'altri tempi. Assicuratevi che la carta sia asciutta prima di cominciare una nuova operazione. 


Quando sarà completamente asciutta, la carta “scricchiolerà” come se fosse stata usata da anni.
Con questa tecnica potrete realizzare antichi fogli, non solo per mappe, ma anche per dei biglietti un po’ fuori dal comune.
Non c’è bisogno che vi dia ulteriori suggerimenti, dovete solo provare e divertirvi a fare esperimenti.
Spero che questo tutorial vi sia di qualche utilità, e sia stato anche interessante.
Alla prossima.

Commenti

  1. Tutte le idee son ben accette e delle tecniche ne manca sempre qualcuna......
    Grazie di questo ben fatto passo-passo!!!
    Quanto novità in questo 2016...... Un nuovo blog??? Curiosità al mille!!!!
    Kisssssssssssssssssssssss
    P.S. Ci sei su Instangram?? ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iniziato a pieno ritmo Betta :D
      Il nuovo blog è già aperto ma non l'ho ancora inaugurato, e ci vorranno mesi prima di renderlo operativo, e poi è secondario. Non so nemmeno se riuscirò a reggere la sfida :D
      Vedremo!
      Su instagram sto cercando di entrarci da dicembre, ma ho problemi con il programma. Gasp! Prima o poi ci riuscirò ;)
      Un bacione!
      Marina

      Elimina
  2. Interessante questa tecnica!
    Buon we. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ora devo trovare ambiti diversi per impiegarla ;)
      Buon weekend anche a te Daniela.
      Marina

      Elimina
  3. Risposte
    1. Grazie Pat, anche di passare di qua seppur il mio blog è lontano dai tuoi interessi :)
      Un bacione.
      Marina

      Elimina
    2. Ma non è vero, Marina! Mi piacciono da morire questi lavori. Anzi... quando la figlia era piccola abbiamo sempre pasticciato noi due. Poi, lei è cresciuta ma soprattutto le mie mani non mi permettono più tante cose.
      Mi devo limitare ad ammirare quelli delle altre blogger.
      Ciaoooo

      Elimina
    3. Eh ma io ti vedo ormai come una scrittrice impegnata :D
      Spero che le mie mani mi consentiranno di lavorare, disegnare e dipingere, il più a lungo possibile.
      Ciao carissima!
      Marina

      Elimina
  4. Molto bello Marina grazie di averci spiegato il tuo procedimento ... un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tecnica in realtà è ancora da perfezionare perché non ho raggiunto l'effetto che desideravo. Intanto condivido quello che ho sperimentato ;)
      Un abbraccio a te Giusi.
      Marina

      Elimina
  5. davvero interessante...sperimenterò!
    lori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lori :)
      Almeno una volta devi provare!
      A presto.
      Marina

      Elimina
  6. Questo prima o poi mi servirà di certo!
    Ciao ^_^
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! Non vedo l'ora di vedere cosa t'inventerai ;)
      Marina

      Elimina
  7. Ciao Marina!! Interessante questo procedimento... è particolare il risultato che si può ottenere!! Un nuovo Blog? ...siamo curiosi...,
    è bello avere tanti progetti da sviluppare durante l'anno, ci sprona ad affrontare il tutto con energia positiva..., Auguri per le tue iniziative!! Oggi abbiamo postato il 1° Round-robin a tema Gatti&Libri, se ti fa piacere puoi dare un'occhiata..., Buon inizio settimana!!
    Carmela e Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace essere positivamente impegnata :)
      Passo presto a trovarvi, le vostre iniziative sono sempre così interessanti!
      Buona settimana a voi :)
      Marina

      Elimina
  8. ciao Marina, grazie per il tutorial, vien proprio voglia di pasticciare con la carta :-)) Un caro saluto, Giò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gio' :)
      L'intento era proprio quello: stimolare a sperimentare.
      Baci.
      Marina

      Elimina
  9. Mi piace molto lavorare con la carta, e questo tutorial è molto interessante!!! ciao ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici Manu :D
      Sono contenta che lo trovi interessante. Ci farai vedere una collana di carta vintage prossimamente? ;)
      A presto!
      Marina

      Elimina
  10. Ciao Marina, forte! Questo procedimento ha un tocco di magia. Se ti può consolare anche io arranco un po' .... Ma ce la faremo. Un altro blog? Sono curiosa! Tienici aggiornate, un bacio Rob

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Farò un post di presentazione. Speravo di pubblicare questa settimana, ma non ce la fo! :(
      Un bacio Rob.
      Marina

      Elimina
  11. Stupenda questa tecnica.
    Rimango affascinata dal mondo della carta, mi piace tutto, ma non mi prende al punto da provarci.
    Curiosa ovviamente per il nuovo blog

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti saranno pubblicati in differita per la presenza di un moderatore.