Insieme Raccontiamo n. 27 (la scomparsa)

Miracoli dei miracoli riesco a partecipare all'appuntamento mensile di Insieme Raccontiamo della grande Patricia Moll.
Vi ho messo il link diretto al post che vi consentirà di leggere nei commenti anche i finali degli altri partecipanti.
Come al solito preferisco fare un post dedicato a questa splendida iniziativa dato che, anche per questo mese, il finale è di 300 parole (spaccate).
L'immagine scelta per accompagnare il mio finale, è emblematica (e tratta liberamente dal web), ma non volevo prendere delle immagini di repertorio giudiziario. Leggendo capirete il perché.
Il racconto e il finale è di pura fantasia, e non fa riferimento a fatti realmente accaduti.



L'incipit che questo mese Patricia ci ha dato è il seguente:







LA SCOMPARSA
Si stava preparando il caffè pensando a cosa avrebbe dovuto fare per sistemare una determinata questione. La tivù era accesa come sempre, un sottofondo che ormai quasi non sentiva più. 

Improvvisamente il volume audio si alzò in maniera assordante. Si voltò. La tazzina le cadde dalle mani.
C’era una sua foto sullo schermo. Una foto di tanti anni fa, quando ancora era una ragazza piena di speranze e carina.
“Vi mostriamo la foto della ragazza scomparsa. Chiunque la vedesse è pregato di rivolgersi alle Forze dell’Ordine. Ricordiamo che è introvabile da ieri pomeriggio e che al momento della sparizione indossava blue jeans azzurri, felpa rossa con la scritta bianca my sweet love, scarpe da ginnastica blu. Risponde al nome di….”


QUESTO IL MIO FINALE
CHE HO INTITOLATO "IL PARAVENTO"

Monica Fedeli. Rimase sbalordita dall’udire il suo nome. Nessuno la chiamava più in quel modo. Ora era conosciuta come Camilla Verdicchio, la splendida moglie del ragioniere Verdicchio. Aveva cambiato nome dopo essere entrata nel programma di protezione dei testimoni. Prese in mano la cornetta del telefono e chiamò l’agente che si era occupato del suo cambio d’identità. 
“Lo so Camilla cosa sta pensando”, esordì una incerta voce al telefono. “Abbiamo dovuto farlo perché è emerso un piccolo problema, ma non si deve preoccupare, lo abbiamo risolto”. 
Camilla non avrebbe mai potuto dimenticare il giorno della sua testimonianza, la sua voce carica di paura mentre raccontava, dietro un paravento e con la voce camuffata, i particolari di quel tremendo omicidio cui aveva assistito per puro caso. 
“Dovevamo farla sparire dalla circolazione, prima che ….”
“Prima che cosa?”
“Gliel’ho detto abbiamo già risolto tutto. Stia tranquilla.”
“Prima che cosa, agente Voiello”, insistette imperterrita. “Non ci provi a condirmi via in questo modo. Voglio sapere cosa sta succedendo.”
“La stanno cercando. I fratelli Borelli, la stanno cercando per … per …”
“Per farmi fuori?”
“No, per costringerla a ritrattare, e sanno essere persuasivi. Senta signora, facendola scomparire …”
“Voi avete rivelato la mia identità, e gli avete fatto capire che sono sotto protezione. Questi non molleranno più la presa.”
“La conoscevano già. Il piano è inscenare un incidente, e farla sparire per sempre dalla circolazione”.
“Agente Voiello, quelli non sono mica stupidi. Crede davvero che non intuiranno la messa in scena?”
“No se facciamo trovare un corpo.”
“Oh mio Dio! Sta scherzando?”
“Purtroppo no, ma come le ho già detto abbiamo pensato a tutto. Potrà essere finalmente una donna libera”
“Pensato a tutto come l’ultima volta? Lei è solo un povero illuso”, e riattaccò il telefono.
Vorrei poter viaggiare nel tempo, sospirò sconfortata.

Il post entrerà a far parte del riepilogo finale che verrà pubblicato sul blog Myrtilla's house i primi giorni di dicembre.

Alla prossima!



Commenti

  1. Mamma mia Marina! Attualissimo e sconfortante. Il tuo è un finale, un racconto ma chissà che non ci siano stati finali così ma reali...
    Davvero bello ed emozionante.
    Ora ho il pc spento ma domani aggiorno il rirpilogo. Grazie e complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita spesso comunque che i testimoni, in processi particolarmente delicati, subiscano pressioni. Con questo epilogo però, bisognerebbe chiedere all'FBI 😆
      Grazie!
      Marina

      Elimina
    2. Magari al Ncis... Leroy Jethro Gibbs 😍

      Elimina
    3. In quel telefilm la sanno lunga 😃
      Non lo guardo da un po', ma mi è sempre piaciuto.
      Cmq ultimamente anche il nostro TG non scherza!!!

      Elimina
  2. Intrigante trama...
    Complimenti Marina.
    Maris

    RispondiElimina
  3. Mi vengono in mente i tanti che queste tragedie le hanno vissute e le vivono realmente. Attualissimo, purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volendo fare il proprio dovere (rendere una giusta e veritiera testimonianza), o addirittura del bene in nome della giustizia, si finisce per incasinarsi la vita. Non dovrebbe essere così.
      Chi lo ha fatto, ha dimostrato coraggio! L'applauso va a loro.
      Grazie.
      Marina

      Elimina
  4. Inquietante e realistico, molto, Marina. Brava. 👏🏻

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando ci si avvicina alla verità scorrono brividi lungo la schiena. Non c'è bisogno di ricorrere alla fantascienza per sorprendere. Alle volte la realtà batte la fantasia.
      Grazie del tuo apprezzamento.
      Marina

      Elimina

Posta un commento

I commenti saranno pubblicati in differita per la presenza di un moderatore.