Journal Cover

Ho fatto la copertina del Journal che vi ho mostrato l’ultima volta, e mi sono resa conto che lo strumento perfetto per esaltare al meglio il Journal Art è il video. Spiegare a parole quello che si è fatto può risultare difficoltoso e noioso per chi ti segue, che spesso non ha pazienza di leggere, capire e seguire, tutti i tecnicismi di cui parli. Non sono attrezzata per fare video creativi a questo livello, e comunque rischierei di farli troppo lunghi perché non parto mai da un’idea precisa, e quand’anche succedesse, questa si trasforma strada facendo.

In questo post cercherò di mostrarvi alcuni particolari spiegandovi brevemente cosa ho fatto, nella speranza di non annoiarvi o peggio farvi addormentare.

Per la cover di questo primo big journal, sono caduta nuovamente sui colori del cielo, che esprime al meglio lo stato attuale delle cose, di grande cambiamento, e un po’ l’ignoto che io vedo positivamente. La stella è pur sempre un porta fortuna, e in qualche modo simbolo di giustizia, almeno per gli sceriffi di un tempo 😉 😄
In realtà volevo fare un astratto, ma mi sono resa subito conto che non era realizzabile su questo tipo di supporto cartaceo.
Questa è stata anche l’occasione per utilizzare i miei nuovi stickers che potete vedere a lato insieme a parte del materiale che ho usato per questo progetto.


Ho scelto una frase che racchiudesse l’attimo e “change is a part of life” l’ho trovata perfetta.
All’inizio avevo pensato di fare una scritta calligrafica, poi ero troppo curiosa di vedere la resa dello sticker e ho deciso di utilizzarlo subito 😊


La scritta “Journal” è stata fatta con degli stampini di Tiger; il resto l’ho scritto di pugno con della china. Questo particolare è interessante perché è stata rimosso lo strato superficiale della carta con una tecnica complicata che mi sono inventata. Provo a spiegarvela: ho usato una garza medica molto assorbente, l’ho ricoperta con gesso acrilico, ho fatto asciugare, ho arricchito il contorno con nuovi acquerelli intensi (di cui vi parlerò presto) e colori acrilici, e poi ho rimosso il tutto una volta asciutto.
Rimane l’impronta come se fosse un’etichetta, senza esserlo, e viene in superficie il colore dello sfondo sottostante (la prima stesura). Stupendo!


Stesso discorso per questo piccolo particolare, che pare una piccola luna venuta alla luce tramite rimozione dello strato superficiale con l’unghia.
È difficile spiegare cosa si prova quando si fanno questi esperimenti. Man mano che si procede ci si meraviglia del risultato, e ci si ritrova ad esclamare: “bello, che effetto strepitoso, che nuance, che sfumature!!”, e non riesci più a fermarti 😄😎



Per i dettagli, come il contorno dello stickers, ho usato i pastelli ad olio e li ho sfumati con le dita.


Ho poi giocato sulle consistenze. La stella grande è in crepla, così come il puntino in basso a destra della foto soprastante (bianco in origine).
Ho concluso mettendo un cartoncino colorato sul retro, e una striscia trasparente per rinforzare che solitamente uso per gli atti in Tribunale 😜


Ora che ho terminato l’esterno, l'occasione giusta per fare una prima prova, non mi resta che dare sfogo alla mia fantasia e riempirlo tutto.


Per essere una prima prova non è riuscita male, sono abbastanza soddisfatta. Per il momento mi sto arrangiando con quello che ho in casa, ma intorno a questo tipo di creatività o arte c’è un intero mondo da scoprire, con tanti prodotti nuovi da provare. 
È stato fortissimo realizzare questa idea, e mi sono proprio divertita, ma devo ammettere che i miei acquerelli mi sono mancati, così come la pittura tant’è che non ho resistito dal usare i pastelli ad olio.
Non so quanto riuscirò a portare avanti questo discorso del journal art, perché passa molto tempo tra un’asciugatura e l’altra e devo trovare ancora il mio ritmo.
Ci sono dei trucchi, ma modificano i risultati finali e gli effetti che si vogliono ottenere, e non sempre mi piacciono.
Per esempio per far asciugare più velocemente il gesso, si usa una pistola a caldo o lo si può far seccare sul calorifero (questa è la stagione giusta), ma si rischiano maggiori screpolature. A me piace anche godermi il momento, perché interiorizzo molto i lavori che faccio; così mi piace guardare in penombra per sbirciare se il gesso è ancora umido o si è finalmente asciugato. Datemi della poetica, ma è così. Allo stesso modo, un acquerello asciugato con l’utilizzo di un phon avrà macchie più che sfumature. Per ottenere sfumature impareggiabili occorre far assorbire, e quindi asciugare, in modo naturale l’acqua. I miei lavori li lascio asciugare una notte intera, come ho fatto per l'ultimo doodle. Molti lo avrebbero realizzato in mezz’ora massimo.
Sui nuovi acquerelli che mi hanno regalato anticipatamente per Natale (alcuni arrivano dall’estero), ve ne parlerò presto.
Ora vi lascio al classico prima e dopo 😉


Buona domenica!

Commenti

  1. Mamma mia! Sta venendo davvero bene!
    Quella che tu dici che sembra una luna, sai a cosa sembra a me? Ad un occhio curioso che spia da un buco nel legno. (Legno perchè è vivo)
    E credo pure ti rappresenti. Sembra che tu stia guardando il futuro e curiosa in senso buono lo sei. Non è una critica, anzi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella mia mente quel particolare rappresenta la luna e il sole, che a volte si abbracciano, a volte si oscurano a vicenda come nelle eclissi. Con questa poesia l’ho inserito. Lontano anni luce dalla tua interpretazione 😄
      Quel pezzo era molto diverso in origine. Più artistico rispetto alla versione attuale, ma purtroppo mi scatenava sentimenti contrastanti legati al presente e ho deciso di cambiarlo proprio per dare una direzione diversa. Il tondino nero l’ho aggiunto all’ultimo minuto perché mi sembrava che mancasse qualcosa. Su un punto hai ragione: io sto guardando al futuro.
      Curiosa lo sono nei confronti della vita e dei suoi grandi misteri, altrimenti non mi piacerebbe così tanto il cielo.
      Forse non dovevo cerchiarlo di rosso con il computer, che lo fa sembrare davvero un occhio, ma volevo evidenziare la tecnica. Guardando adesso il lavoro a distanza di tempo ti dico anche che non c'entra nulla con tutto il resto, quasi stona! Mi ricorda una tela che mi si è rovinata tempo fa, ed è venuto via il colore su gran parte del dipinto.
      Vedremo quanto dura questa cover 😄
      Patricia, sei comunque una visionaria (te l’ho già detto in altra occasione), e se avessi il dono del disegno verrebbero fuori opere incredibili. Credimi!
      Dopo aver letto il tuo commento ho pensato ad Alice nel paese delle meraviglie 😄
      Marina

      Elimina
  2. Un prima e dopo stupefacente! Bellissimi tutti i passagi descritti alla perfezione...grazie, molto utile!
    Buona settimana Marina e complimenti...
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maris, spero di esserti stata d'ispirazione.
      Baci!
      Marina

      Elimina
  3. Bellissima questa cover, Marina: è un concentrato di poesia!
    Complimenti anche per la descrizione puntuale di ogni passaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coniugare poesia e precisione è un'impresa, ma ogni volta ci provo 😜
      Grazie Cle
      Marina

      Elimina
  4. Condivido e mi ritrovo nel tuo entusiasmo quando si fa un nuovo esperimento e si scoprono via via le possibilità creative. Sono momenti impagabili! Alla fine, il risultato può raccontare una storia affascinante, come nel caso di questo tuo bellissimo lavoro.

    RispondiElimina
  5. Bello, davvero molto bello anche se avrei usato un tono di giallo più caldo per il contrasto col blu del cielo.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo creare contrasto e ho osato 😉
      Baci e abbracci!
      Marina

      Elimina
  6. MA CHE COSA STRAORDINARIA 😍😍😍😍come si fa a vincere pure questa???? 😂😂😂😂😂😂😂Io sono pronta!!!! 💪
    P.s. Hai nominato un lugo (marchio) che io considero il PARADISO: Tiger!!! L’ultima volta che ho tentato di entrarci mio marito mi ha caricato sulle spalle e mi ha trascinato via mentre io urlavo disperata... Tiger è come una droga per me! Ci entro e ci dilapido tutto quello che ho 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che ci hai preso gusto Regina a vincere 😆😆
      Mi spiace ma questo non è in regalo.
      Per Tiger ti capisco, ma la mia droga sono i negozi di belle arti 😉
      Bacio
      Marina

      Elimina
  7. Che meraviglia Marina, un 'effetto eccezionale :D
    a presto
    Ivy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Ivy 😊
      Alla prossima!
      Marina

      Elimina

Posta un commento

Gli utenti che decidono di lasciare un commento su questo blog devono essere informati che il loro username sarà visibile nella pagina web e potrà essere cliccato da altri utenti. Pertanto, siate consapevoli che ogni visitatore potrà conoscere il vostro Profilo Blogger o di Google+, a seconda della impostazione scelta e se resi pubblici.
I commenti saranno pubblicati in differita per la presenza di un moderatore.
Non si possono lasciare commenti anonimi.

Note al rilascio dei commenti

Gli utenti che decidono di lasciare un commento su questo blog devono essere informati che il loro username sarà visibile nella pagina web e potrà essere cliccato da altri utenti. Pertanto, siate consapevoli che ogni visitatore potrà conoscere il vostro Profilo Blogger o Google+, a seconda della impostazione scelta e qualora resi pubblici.
Per leggere l'informativa sulla Privacy clicca qui.
I commenti saranno pubblicati in differita per la presenza di un moderatore.